+39 0376 262366

Via Cremona, 29
46100 Mantova, Italia.

triangle
Le nostre Attività

Le nostre Attività

MAGICA CAPPADOCIA E ISTANBUL

Cultura e Turismo

Ad ottobre col Cad Bam…

MAGICA CAPPADOCIA E ISTANBUL
MAGICA CAPPADOCIA E ISTANBUL

TRA CULTURA E PAESAGGI INDIMENTICABILI
DAL 19 AL 26 MAGGIO 2019

 

Il sipario si alza alle prime luci dell’alba sullo sfondo della Cappadocia, regalando suggestioni inaspettate e improvvise. Non si è mai del tutto pronti alle emozioni che trasmette la “terra dei bei cavalli” (il suo nome in antica lingua persiana) quando il cielo assume i toni dell’arancio, del rosso e poi, piano piano del celeste e cinquecento mongolfiere colorate in silhouette, sembrano coriandoli sparsi nelle infinite vie dell’orizzonte. In questa regione della Turchia, fra l’Asia Minore e la Mesopotamia, lungo la via della Seta, la storia ha scritto pagine importanti raccontando di sanguinose invasioni e del prestigio di una mitica rotta commerciale. L’influenza delle più antiche civiltà ne ha forgiato il carattere e le tradizioni, iniziando dagli Assiri e passando dagli Ittiti, dall’Impero Persiano, Ellenistico e Bizantino e oggi rivive nell’architettura, nell’enogastronomia e nel sorriso dei locali. Non esiste un luogo identico in tutto il globo, in un trionfo di meraviglie naturali che superano la fantasia e conquistano il cuore di chiunque abbia la fortuna di posarvi piedi e sguardo. La mano dell’uomo, in tale tratto di mondo, ha aggiunto bellezza alla perfezione creativa di una natura che qui si è impegnata parecchio a forgiare bizzarre forme, aiutata da vento, pioggia, ghiaccio e millenni. I suoi paesaggi regalano un vero giro del mondo in poche ore, mostrando canyon profondi, grotte, cavità e piramidi di terra a punta con una sorta di cappello detti “camini delle fate”. Milioni di anni fa le montagne circostanti di Erciyes, Hasandag e Gulludag erano vulcani attivi, riprodotti nei dipinti preistorici ritrovati tra le valli e da qui è iniziata la magia. E poi c’è il Parco Nazionale di Goreme con le sue rocce multicolore, frutto di alte concentrazioni di ossidi di ferro (e non solo) e i siti rupestri. Tutte meraviglie che, dal 1985, l’Unesco ha inserito tra i suoi patrimoni. Per i primi cristiani la Cappadocia era un vero e proprio santuario, tanto che oggi resta un museo a cielo aperto dove elementi naturali e culturali, creano un mix ineguagliabile. I depositi vulcanici hanno reso l’area fertile per l’agricoltura e, ancora adesso, si coltiva uva ma anche albicocche, ciliegie, cereali e barbabietole da zucchero. Le eruzioni vulcaniche della zona, hanno iniziato a scolpire i loro laboriosi capolavori già 30mila anni fa e, in alcuni punti, la coltre ha raggiunto uno spessore di 150 metri. Le ceneri solidificate hanno dato origine ad un materiale friabile detto tufo, in vari punti ricoperto di dura roccia vulcanica. Con il tempo il primo si è eroso creando formazioni rocciose varie come disegni su un quaderno di un bambino. Tra di esse ci sono i famosi coni sormontati da grandi massi, noti con il nome di “camini delle fate”. Si chiamano così perché i primi abitanti della Cappadocia pensavano fossero proprio i camini di creature fantastiche che abitavano nelle profondità della Terra. Alcuni di essi sono alti fino a 45 metri.
Si dice che da queste parti ci siano 500 tra chiese e cappelle ricche per capolavori artistici e varietà architettonica. Buona parte di esse sono cariche di affreschi che richiedono una costante manutenzione. Nella Valle di Goreme, comunque, si trova la più grande concentrazione di monasteri scavati nella roccia della Cappadocia. Risalgono al periodo che va dal IX secolo in poi e sono stati lavorati nel tufo vulcanico. In buona parte riprendono affreschi bizantini con scene dell’Antico e Nuovo Testamento e la vita di Cristo e dei Santi. Si trovano all’interno del Museo all’aperto di Goreme, riconosciuto dall’Unesco come patrimonio dell’Umanità.
Il nostro itinerario partirà da Istanbul, unica città al mondo ad essere a cavallo fra due continenti; la parte più antica della città è quella disposta sul lato europeo del Bosforo, fondata dai greci con il nome di Byzantion. Su questa sponda si concentrano i monumenti storici di maggior interesse, quelli che anche il viaggiatore più frettoloso e distratto non può esimersi dal visitare: la basilica di Santa Sofia, eretta dall’imperatore Giustiniano nel VI secolo e dalla storia multiforme: chiesa cristiana fino alla conquista ottomana, poi trasformata in moschea e oggi a adibita a Museo, il Palazzo di Topkapi, affascinante labirinto di palazzi e costruzioni, sede dei Sultani e cuore del potere dell’Impero Ottomano per cinque secoli, la Moschea di Solimano, un grandioso luogo di culto che può ospitare oltre 5000 fedeli e che svetta nel cielo della città con una cupola alta 53 metri, la Moschea Blu con le sue maioliche di colore turchese e la grande sala della preghiera illuminata in modo quasi surreale dalla luce che filtra da 260 piccole finestre. Irrinunciabile, per chi vuole cogliere lo spirito più autentico di Istanbul, anche una visita al Gran Bazar, inizialmente un semplice deposito e ampliatosi progressivamente nei secoli fino a diventare un immenso e caotico mercato con oltre 4000 negozi in cui è veramente possibile trovare di tutto, tra cui un’incredibile quantità di spezie.
UN VIAGGIO INDIMENTICABILE! CARPE DIEM!

 

PROGRAMMA DI VIAGGIO:

 

1° giorno: Domenica, 19 maggio 2019 – MANTOVA / AEROPORTO DI BOLOGNA / ISTANBUL
Ritrovo dei signori partecipanti a Mantova in orario e luogo che verranno comunicati in seguito; sistemazione sul pullman riservato e partenza per l’aeroporto di Bologna. All’arrivo, disbrigo delle formalità e partenza con volo di linea Turkish Airways con arrivo ad Istanbul nel primo pomeriggio. Giro orientativo nel quartiere di Galata. Quindi trasferimento in hotel per la cena ed il pernottamento.

2° giorno: Lunedì, 20 maggio 2019 – ISTANBUL
Dopo la prima colazione in hotel, visita dell’Ippodromo Romano, che ha avuto una importanza rilevante sin dai tempi di Bisanzio grazie alle sue immense dimensioni, 400 metri di lunghezza e 120 di larghezza, secondo solo al Circo Massimo di Roma. Quindi proseguiremo con la Moschea Blu così chiamata per le sue magnifiche maioliche di Iznik che rivestono le pareti interne: oltre 21.000 piastrelle in ceramica dalle diverse tonalità di azzurri e blu ricoprono l’interno della moschea trasformandola in una vera e propria opera d’arte. Di seguito, visita della grandiosa Basilica di S. Sofia, simbolo dell’architettura bizantina, costruita nel VI° secolo da Giustiniano sul luogo di una precedente chiesa Costantiniana consacrata alla Divina Sapienza. L’interno è veramente solenne: le enormi dimensioni, le armoniche proporzioni, la profusione di colonne (107), l’altezza della cupola (55mt), la ricchezza delle decorazioni, impressionano. I suoi mosaici sono favolosi! Vedremo anche la Cisterna Sotterranea che fu costruita come riserva d’acqua nell’epoca bizantina. Pranzo libero. Nel pomeriggio visita al Palazzo di Topkapi (al momento sono in corso lavori di ristrutturazione e quindi non abbiamo la certezza assoluta che il palazzo sarà visitabile) costruito nel 1453 in seguito alla presa di Costantinopoli da parte di Maometto il Conquistatore, che vi ha abitato fino alla sua morte. Superata la magnifica Porta Imperiale ci troveremo di fonte ad un edificio immenso: un insieme eterogeneo di chioschi, harem, cortili, corridoi e belvedere (inclusa la visita della sezione del tesoro). Tempo permettendo, visita alla Moschea di Solimano il Magnifico, la più grande di Istanbul, costruita dal famoso architetto ottomano Sinan nel XVI secolo. Con i suoi 4 minareti svettanti nel cielo e circondata da un portico realizzato con le colonne provenienti dall’Ippodromo, ha al suo interno un’acustica spettacolare. In seguito tempo dedicato alla visita del Grand Bazaar, un ambiente storico, vivace e divertente costruito nel 1461: è una vera e propria città nella città: 4000 botteghe su una superficie di 200.000 metri quadrati. Dotato di vicoli e fontane, il Gran Bazar è stato il primo “grande magazzino” della storia: i caravanserragli consentivano alle carovane di scaricare la merce direttamente al suo interno e ogni strada era, allora come oggi, dedicata ad una corporazione, orefici, venditori di tappeti, abiti o scarpe. Rientro in albergo. Cena a base di pesce in ristorante pesce sul Bosforo.

3° giorno: Martedì, 21 maggio 2019 – ISTANBUL / ANKARA
Prima colazione in hotel. In mattinata effettueremo un tour esclusivo in barca sul Bosforo, sulle cui sponde si ammireranno le ville, i giardini ed i palazzi ottomani del 1800: un panorama ed una prospettiva davvero particolare. Pranzo a base di pesce in ristorante. Nel pomeriggio, partenza in pullman per Ankara. Arrivo in serata, sistemazione in hotel. Cena e pernottamento in albergo.Prima colazione in hotel. In mattinata effettueremo un tour esclusivo in barca sul Bosforo, sulle cui sponde si ammireranno le ville, i giardini ed i palazzi ottomani del 1800: un panorama ed una prospettiva davvero particolare. Pranzo a base di pesce in ristorante. Nel pomeriggio, partenza in pullman per Ankara. Arrivo in serata, sistemazione in hotel. Cena e pernottamento in albergo.

4° giorno: Mercoledì, 22 maggio 2019 - ANKARA / CAPPADOCIA
Dopo la prima colazione in albergo, visita della città di Ankara; del Museo delle Civilta’ Anatoliche (Museo Ittite), tra i più importanti musei archeologici al mondo con le sue inestimabili collezioni di opere del Paleolitico, Neolitico, Eneolitico, dell’Età del Bronzo Antica, del periodo di hatti, ittiti, frigi, ecc. Anche l’architettura del museo è molto bella, il soffitto è molto particolare. Ed ancora, visiteremo il Mausoleo di Atatürk, fondatore della moderna Turchia. Oltre ad essere un mausoleo è anche un museo, con molti oggetti risalenti prima e durante l’epoca della fondazione della repubblica. Inizio del viaggio verso la Cappadocia: il paesaggio è arido, simile alla steppa: breve sosta panoramica sul Lago Salato, posto in una depressione tettonica, il secondo più grande del mondo. Pranzo in ristorante lungo il percorso. Arrivo in Cappadocia, primo giretto panoramico, cena e pernottamento in hotel.

5° giorno: Giovedì, 23 maggio 2019 - CAPPADOCIA (LISTA PATRIMONIO UNESCO)
Intera giornata dedicata alle visite in Cappadocia (in lingua persiana significa “paese dei bei cavalli”): un paesaggio lunare formato dai vulcani, un labirinto di torri, crepacci, canyon, pinnacoli e castelli rupestri. E’ un paesaggio fiabesco, un mondo scolpito dalla natura quello che si presenterà ai nostri occhi quando ci inoltreremo in questa magica regione con al centro la città di Nevsehir, Avanos e Urgup. Visita della Valle di Göreme, il più importante centro monastico per i primi cristiani; qui sono state censite 365 chiese rupestri, alcune delle quali splendidamente affrescate. Vedremo anche Uçhisar, un villaggio che, con il suo enorme picco di tufo perforato dalle mille cavità, costituisce uno dei luoghi più affascinanti della Cappadocia. Scopriremo la valle di Pasabag, dove si ergono i cosiddetti “camini delle fate”, enormi funghi di pietra formatisi dal corrugamento della superficie terrestre nel bel mezzo di un altopiano a 1000 metri d’altitudine. Dapprima divenuti rifugio di anacoreti ed eremiti cristiani, poi di intere popolazioni he scavarono le loro abitazioni nel tufo, la zona si è trasformata in epoca bizantina in uno straordinario universo rupestre. Passeremo dalla “Valle dei piccioni” fino al villaggio Avanos, visiteremo i centri artigianali con laboratori che vendono manufatti di piatti e pentole in ceramica, il centro storico che contiene angoli deliziosi con abitazioni ottomane in pietra spesso decorate. Pranzo in ristorante locale. Cena in hotel. In serata si assisterà allo spettacolo “Caravanserraglio”, unica rappresentazione dei dervisci rotanti, della cultura di Mevlana. Pernottamento in hotel.

6° giorno: Venerdì, 24 maggio 2019 – KONYA / PAMUKKALE
Dopo la prima colazione in hotel, partenza per Konya, la città di grande importanza religiosa sia per il cristianesimo che per l’Islam e fu una delle prime sette città dopo Noè, conosciuta in epoca romana come Iconium. Capitale dei turchi selgiuchidi dal XII al XIII secolo, fu uno dei più grandi centri culturali della Turchia. Durante questo periodo di espansione artistica, politica e religiosa, il mistico Mevlana Celaleddin Rumi fondò l’ordine Sufico, ben conosciuto nell’ovest con il nome di Dervisci “Ruotanti o Danzanti”. A Konya visiteremo il mausoleo di Mevlana, ricoperto di maioliche azzurre verdi. Sul percorso, la visita del caravanserraglio selciuchide di Sultanhani che metteva in collegamento Konya con la Persia, costruito tra il 1232 e i 1236. Dopo il pranzo partenza per Pamukkale. Cena e pernottamento in albergo.

7° giorno: Sabato, 25 maggio 2019 – PAMUKKALE / IZMIR
Dopo la prima colazione in hotel, mattinata dedicata alla visita di Hierapolis e Pamukkale (nella lista del Patrimonio dell’Unesco), due siti l’uno sovrapposto all’altro: le celebri cascate di travertino, o “castello di cotone” (questa la traduzione di Pamukkale) e la città ellenistica e romana, cristiana e sulgiuchide. A tenerle insieme le sorgenti termali ed i fenomeni vulcanici: che hanno prodotto travertino e marmi di cui abbonda tutta la zona, che hanno spinto i primi gruppi umani ad insediarsi nel pianoro Hierapolis già in età neolitica. Visiteremo la Necropoli, l’Agora, il Teatro, e le famose cascate pietrificate un paesaggio spettacolare formato dalle sorgenti di acque calde che venivano utilizzate per le cure termali. Partenza e visita di Efeso, il più importante centro romano di tutta l’Asia Minore. Il Tempio di Artemide ad Efeso era tra le sette meraviglie del mondo antico. Efeso fu un importante centro commerciale e dal 29 a.C. fu la capitale della provincia romana di Asia. Tra le rovine sono degne di nota quelle del Teatro, del piccolo tempio di Adriano, della Biblioteca di Celso e dei numerosi stabilimenti di bagni pubblici. Visita anche dell’Agora, della via sacra, del teatro, che è il più grande di tutta l’Asia Minore e visita della Casa della Madonna dove Maria visse un’ultima parte della sua vita. Pranzo in ristorante locale. Partenza per Izmir (Smirne), giro orientativo della città e trasferimento in albergo dove ceneremo e pernotteremo.

8° giorno: Domenica, 26 maggio 2019 – IZMIR / ISTANBUL / BOLOGNA / MANTOVA
Dopo la prima colazione in albergo, visita della città di Izmir nota nell’antichità col nome di Smirne. Vedremo la parte più antica, quella dell’antica Agorà, nel quartiere di Namazgah, un vero e proprio museo all’aria aperta costruito da Alessandro Magno là dove il visitatore è invitato a chiudere gli occhi per compiere un viaggio indietro nel tempo ammirando quanto di meraviglioso gli scavi hanno portato alla luce dimostrando quello che, nel II secolo, era un fiorente centro dell’arte, del commercio e della filosofia ricostruita da Marco Aurelio dopo il terremoto del 178 d.C. Trasferimento all’aeroporto di Izmir con pullman privato e partenza con volo di linea Turkish delle ore 13:05; arrivo ad Istanbul e reimbarco sul volo in partenza per Bologna delle ore 16:50. Una volta giunti a Bologna, il nostro bus riservato ci riporterà a Mantova.

 

QUOTE DI PARTECIPAZIONE (minimo 25 adesioni):

COSTO DEL VIAGGIO
1.400,00 €
SUPPLMENTO CAMERA SINGOLA
250,00 €

 

ACCONTO
da versare entro il 28 febbraio 2019
420,00 €
LA QUOTA COMPRENDE:
  • Volo di linea operato da Turkish Airlines, a/r dall’aeroporto di Bologna, tasse aeroportuali incluse;
  • Sistemazione in hotels 5 stelle (categoria ufficiale del paese ospitante), con trattamento di pensione completa, dalla cena del primo giorno al pranzo dell’ultimo (prime colazioni a buffet negli hotels, 6 pranzi nei ristoranti locali, 7 cene negli hotels);
  • Acqua naturale (non gasata) durante tutti i pasti (1,5 lt. ogni 4 persone);
  • Accompagnatore dall’Italia;
  • Servizio di guida locale professionista in italiano per tutta la durata del tour;
  • Pullman riservato per tutta la durata del viaggio;
  • Barca in esclusiva per il gruppo per la crociera sul Bosforo;
  • Ingressi ai musei ed ai siti indicati nel programma, incluso auricolari;
  • Le mance nei ristoranti e negli hotels;
  • Facchinaggio negli hotels;
  • Assicurazione sanitaria bagaglio.

 

LA QUOTA NON COMPRENDE:
  • Le spese personali;
  • le bevande ai pasti (eccetto 1,5 lt. di acqua ogni 4 persone);
  • le mance alla guida e all’autista;
  • l’assicurazione annullamento viaggio (€ 80,00 per persona);
  • il trasferimento in pullman da Mantova all’aeroporto e viceversa (su minimo 25 persone paganti, € 40,00);
  • tutto quanto non espressamente indicato alla voce “la quota comprende”.

 

TERMINE ISCRIZIONI:
28 febbraio 2019

 

REFERENTE CAD BAM:
Chiara Steccanella

 

MAGICA CAPPADOCIA E ISTANBUL

 

NOTA BENE: ricordiamo che per poter partecipare alle manifestazioni del Cad Bam è necessario essere iscritti alla nostra associazione come Soci ordinari e/o Soci aggregati e/o Soci annuali. I Soci “Annuali” dovranno versare la quota di partecipazione tramite bonifico bancario sul conto corrente del “Circolo Aziendale Dipendenti Banca Agricola Mantovana” IBAN IT18I0103011503000010000226, causale “Viaggio in Cappadocia e Istanbul” solo nel caso non fossero correntisti di Banca Monte Paschi Siena.

INOLTRE: il Cad Bam non accetta prenotazioni telefoniche. È necessario iscriversi alla manifestazione esclusivamente tramite il modulo in calce alla circolare oppure tramite il nostro sito internet www.cadbam.it dove, dopo aver aperto la pagina della circolare interessata, troverete il modulo di iscrizione online. Per coloro che si recheranno direttamente alla sede del Circolo per il pagamento brevi manu, sarà necessario compilare in loco il modulo di iscrizione e lasciarlo alla nostra Segreteria (aperta dalle ore 9:00 alle ore 13:00 sabato e domenica esclusi). Qualora le richieste di partecipazione eccedano il numero di posti disponibili, come di consueto, i partecipanti verranno ammessi seguendo tassativamente l’ordine di iscrizione.

 

Per maggiori informazioni: